Le ultime notizie su Quercus e il suo team di consulenti specializzati

Quercus avvia un nuovo fundraising per QER

Il fondo europeo punta a raccogliere 150 milioni di Euro da investire in due anni

Londra/Milano, 28 gennaio 2019. Quercus, gestore di fondi europei focalizzato su investimenti in infrastrutture rinnovabili, ha ricevuto l’appoggio degli investitori italiani ed internazionali per continuare gli investimenti in Italia e in Europa con il fondo Quercus European Renewables dopo il rinnovo del Consiglio di Amministrazione che ha visto la nomina di Lord Gregory Barker, ex Ministro per l’Energia e il Controllo Climatico del governo inglese, a nuovo Presidente.

Il fondo, che finora ha investito in impianti eolici e solari in Italia e Spagna per un valore di oltre 200 milioni di euro, ha avviato in questi giorni una nuova fase di fundraising con l’obiettivo di raccogliere altri 150 milioni da investire nei prossimi due anni in Italia ed Europa occidentale. Quercus sta inoltre potenziando ulteriormente il team di Londra e Milano che si occupano non solo di attività di investimento, ma anche della gestione operativa degli asset. Questa attività, affidata a degli specialisti interni, consente di massimizzare l’efficacia del fondo e il conseguente impatto positivo sul rendimento dei portafogli.

Diego Biasi, Co-Fondatore e Amministratore Delegato di Quercus, ha commentato:

“Abbiamo un piano di raccolta e un programma di investimento molto ambiziosi per diventare uno dei maggiori player europei nelle rinnovabili. Siamo sempre cresciuti molto sin dal 2010, ma ora abbiamo cambiato marcia grazie ad un Consiglio di Amministrazione fortemente potenziato e siamo pronti ad accelerare. L’Italia rimane sempre un mercato primario dove abbiamo composto un portafoglio solare di grande qualità con Swiss Life e ci apprestiamo ad investire con ERG. Per questo consideriamo di grande valore il coinvolgimento degli investitori italiani”.

Quercus:

Nato nel 2010 per volontà dell’attuale CEO Diego Biasi e Simone Borla, Quercus è uno dei principali fondi europei specializzati nelle energie rinnovabili con sede in Lussemburgo, UK e Italia. Dal lancio ad oggi il fondo ha gestito cinque strategie diverse per tecnologia e politica di investimento: dal greenfield al brownfield. Ha all’attivo una joint venture con il governo britannico nel settore delle biomasse nel Regno Unito, con Swiss Life nel mercato fotovoltaico per impianti di grandi dimensioni in Italia e con ERG per il fotovoltaico di piccola taglia.

Shaun Kingsbury CBE joins the board of Quercus Assets Selection.

Quercus strengthens its Board with the recent appointment of Lord Barker as Chairman and Christopher Knowles as Vice-Chairman

London, 29 October 2018. Quercus is delighted to announce the appointment of Shaun Kingsbury CBE to the Quercus Assets Selection Board. Kingsbury, a veteran in the renewable energy market, was previously the first CEO of the UK Green Investment Bank plc (the World’s first Green Investment Bank), where he played an instrumental role in establishing the bank as the leading investor in renewable energy in the UK.

Shaun Kingsbury brings a wealth of knowledge and experience in both renewable energy finance and business leadership and will play a key role in the development and growth of the Quercus funds business. Kingsbury is also a member of the Envision Energy Advisory Board, the Envision Virgin Racing Formula E Team Board and is a senior advisor to Greentech Capital Advisors, the NY headquartered sustainable advisory firm.

Commenting on the new appointment Shaun Kingsbury said:

I am delighted to join the Board of Quercus Assets Selection at this exciting time for the business and look forward to supporting the Board and the management team through its next period of growth.

Diego Biasi, Co-Founder and CEO of Quercus also added:

Shaun Kingsbury is a great and valuable addition to Quercus. Together with Lord Barker and Christopher Knowles the new team is well positioned to take the fund to the next level. We are strengthening the organisation by adding international experience, knowledge and expertise to propose new ideas to our investors with the aim to deliver long term profitable investment opportunities.

About Quercus:

Quercus Investment Partners, based in London, is regulated by the FCA and provides advisory services to Quercus Assets Selection Sarl, general partner of the SICAV-SIF Quercus Assets Selection (“QAS”). QAS has the objective of creating a balanced portfolio of assets, diversified by both technology and geography, inflation protected and uncorrelated with traditional financial markets. It is regulated by the CSSF in Luxembourg and ultimately seeks to deliver long term stable cash flows over its investment horizon.

About Quercus Assets Selection:

Founded in 2010 by Diego Biasi, the current CEO, and Simone Borla, Quercus Assets Selection is one of the leading European funds specialising in renewable energy. From its foundation through to the present, the fund has managed five different technology and investment policy strategies ranging from construction financing to M&A activities. Among other achievements, it has successfully executed a Joint Venture with the UK government in the English biomass sector, with Swiss Life in the Italian photovoltaic market for large-scale infrastructure and with ERG in the small-scale Italian photovoltaic market.

Lord Gregory Barker, new Chairman’s letter to shareholders.

Dear Shareholder,

After an exciting year as deputy chairman, I was delighted to succeed Vito Gamberale last week as chairman of the Quercus group, in order to oversee the board of directors for the next chapter in the continuing growth of the Quercus family of funds.

Quercus is very well placed to take advantage of the numerous opportunities that now lay before us, as we continue to stay ahead of developments in a fast growing but also very challenging sector. Thanks to a burgeoning team of highly talented and experienced colleagues, we are ideally positioned to respond to the dynamic changes in markets for renewable energy and the rapid advances in numerous low carbon technologies.

As our funds under management grow, I look forward to taking an increasing role in the life of the business and to meeting as many of our shareholders as possible in the coming weeks and months. As chairman, first class corporate governance will always be my concern and that begins with a direct, regular and easy communication with all investors. So please consider me at your disposal at all times and don’t hesitate to get in touch if you would like to meet sooner, rather than later for an introductory conversation.

As a board, our first priority will always be to continue to generate a healthy return for our existing investors (at least 6% per annum) which we will continue to distribute twice a year. However, that should not be the limit of our ambition but just the start!

As I already mentioned, we are not only looking to bring into the existing funds, new high quality institutional investors but also to deploy our expertise into other complimentary technologies in the low carbon economy and potentially new markets. To this end, I am pleased to announce a new Euro400 million joint venture with the leading Australian investor RF Capital and a new Euro 150 million joint venture with ERG in the Italian market. To this we hope to add a further Euro 300 million over the course of the next twelve months.

In addition to our core renewable energy business, I am pleased to share with you that we are currently in the final stages of preparing to launch a new fund to invest in electric vehicle charging infrastructure and e-mobility. This is one of the fastest growing sectors in the low carbon economy and one with massive potential in the decade ahead. It sits in perfect alignment with our successful track record in renewable energy generation and is the next logical step for a forward-looking group such as ours.

If you would like to receive further details on any of these opportunities or would just simply like to meet for an introductory discussion, please don’t hesitate to get in touch.

Thank you again for your continued support and I greatly look forward to meeting in person in the very near future.

Kind regards.

Rt Hon Lord Barker of Battle
Chairman

Quercus: Accordo con un RF Capital per EUR 400 Milioni

Rinnovato il CdA: Lord Gregory Barker Nominato Presidente

Londra, Milano 1 Ottobre 2018. Quercus 1 Ottobre 2018 Quercus rende noto che durante l’estate e’ stato formalizzato un accordo di joint venture con RF Capital, un  gruppo finanziario australiano attivo in piu’ settori, dalle costruzioni alle attivita’ finanziarie. La joint venture prevede la costituzione di una newco con quote paritetiche. Quercus Sara’ il socio industriale e si occupera’ prevalentemente degli investimenti mentre RF Capital si e’ impegnata a mettere a disposizione Eur 400 milioni nei prossimi 4 anni. Gli investimenti saranno inizialmente in impianti ad energia solare ed eolica.

Giovedi’ 27 Settembre si e’ anche tenuta l’assemblea annuale del socio unico di Quercus Assets Selection Sarl che doveva approvare il bilancio 2017 della societa’ di gestione del fondo e nominare il presidente.

L’assemblea ha approvato il bilancio e nominato il vice presidente Lord Gregory Barker, nuovo presidente di Quercus. Ha altresi’ comunicato l’uscita di Torkil Bentzen e l’entrata in consiglio di Giulio Antonello, da tre anni membro dell’Advisory Board di Quercus e di Christopher Knowles. Gli altri consiglieri sono stati tutti confermati.

Lord Gregory Barker, già Ministro per l’Energia e il Controllo Climatico durante il governo di David Cameron in UK e neo Presidente di Quercus, commenta: “Sono entusiasta di ricoprire il ruolo di Presidente in questo momento entusiasmante di forte sviluppo di Quercus. Come la societa’ cresce, anche il Consiglio di Amministrazione cresce in solidita’ ed esperienza, mentre continuiamo a costruire il nostro successo nell’identificare nuove e sostenibili opportunita’ per migliorare i rendimenti che diamo al nostro portafoglio di investitori in continua espansione”.

Christopher Knowles, e’ attualmente advisor della BEI dove precedentemente e’ stato a capo del Fondo per le Infrastrutture e per le Attivita’ Climatiche per oltre 12 anni durante i quali la BEI ha investito oltre Eur 20 miliardi all’anno in infrastrutture rinnovabili o comunque legate al controllo climatico. E’ membro dell’Advisory Council per la divisine di Green Finance & Investment presso l’OECD (Organisation for Economic Co-operation and Development) ed e’ membro dell’Advisory Council del Climate Bonds Initiatives.

Giulio Antonello e’ stato per diversi anni CEO di Alerion, societa’ quotata alla Borsa Italiana, uno dei leader italiani nel settore eolico. E’ stato membro del consiglio di amministrazione di ERG Renew, SIAS e Reno de Medici. E’ attuale membro dei consigli di amministrazione di Eurotech e Italcementi.

QUERCUS ASSETS SELECTION

Fondata da Diego Biasi, attuale CEO, e da Simone Borla nel 2010, è uno dei primari fondi europei specializzati nelle energie rinnovabili. Dal lancio ad oggi il fondo ha gestito cinque strategie diverse per tecnologia e politica di investimento: dalla costruzione all’attività di M&A. Ha all’attivo una Joint Venture con il governo inglese nel settore delle biomasse Inglesi e con Swiss Life nel mercato fotovoltaico italiano per impianti di grande scala.

Quercus annuncia i primi investimenti nell’eolico in Spagna per 60 Milioni di EURO

Il fondo europeo investirà in due impianti eolici di 28 e 20 MW a Cadice e Malaga

Milano, Londra,  Tudela, 10 settembre 2018 – Quercus, un gestore di fondi europei focalizzato su investimenti in infrastrutture rinnovabili, ha reso noto in data odierna il perfezionamento di un accordo per acquisire dal Grupo Enhol quote di controllo in due parchi eolici a Cadice e Malaga in Spagna, per una capacità installata totale di 48 MW. Complessivamente tali investimenti ammontano a oltre 60 milioni di euro e rappresentano un’importante aggiunta alla piattaforma di generazione di energia rinnovabile di Quercus in Europa, a dimostrazione del forte interesse della società nelle infrastrutture rinnovabili in Spagna.Il Grupo Enhol è una società spagnola indipendente leader nel settore delle energie rinnovabili, forte di un’esperienza ultraventennale, e sviluppa attualmente un ampio portafoglio di progetti di energia eolica in Spagna e altri Paesi per oltre 800 MW.

Diego Biasi, Amministratore Delegato di Quercus, commenta: “Queste due operazioni danno il via alla nostra presenza in Spagna, un mercato che a nostro giudizio offre opportunità interessanti per i nostri investitori. Puntiamo a espanderci nel Paese mediante ulteriori acquisizioni di capacità eolica e fotovoltaica e stiamo valutando anche nuove opportunità in altri Paesi europei con il fondo di investimento Quercus European Renewables: l’obiettivo è creare un ampio portafoglio di asset energetici al fine di garantire la diversificazione su più tecnologie di generazione e mercati dell’energia elettrica, così da ottenere rendimenti sicuri e stabili per i nostri investitori.

Il commento di Diego Oliver e Gonzalo Oliver, Amministratori Delegati di Grupo Enhol: “Quest’operazione rappresenta una vendita strategica di asset da parte del Grupo Enhol e consentirà alla società di continuare a crescere e realizzare nuovi impianti eolici nella regione di Navarra in Spagna”.

Quercus Assets Selection si è avvalso della consulenza di Golden Corporate ai fini dell’operazione e di Watson Farley & Williams Spain per gli aspetti legali.Il Grupo Enhol si è avvalso della consulenza di Greenhill & Co ai fini dell’operazione e di Perez-Llorca per gli aspetti legali nell’ambito dei negoziati per l’accordo definitivo.

 

Quercus Assets Selection:

Nato nel 2010 per volontà dell’attuale CEO Diego Biasi e Simone Borla, Quercus Assets Selection è uno dei principali fondi europei specializzati nelle energie rinnovabili. Dal lancio a oggi il fondo ha gestito cinque strategie diverse per tecnologia e politica di investimento: dall’edilizia all’attività di M&A. Ha all’attivo una Joint Venture con il governo britannico nel settore delle biomasse nel Regno Unito nonché con SwissLife nell’ambito del mercato fotovoltaico per infrastrutture di grandi dimensioni in Italia.

 

Grupo Enhol:

Grupo Enhol è un gruppo a conduzione familiare, giunto alla quarta generazione, con sede nella regione di Navarra (Spagna) e una presenza altamente diversificata in numerosi settori economici, primo fra tutti quello energetico. Il Grupo Enhol ha iniziato la propria attività negli anni Trenta del secolo scorso ed è un pioniere nel campo delle energie rinnovabili, vantando oltre vent’anni di esperienza in tale ambito. Il Grupo Enhol realizza e investe in progetti di energia rinnovabile di grandi dimensioni sia propri sia di terzi.

European Energy cede l’impianto eolico Bosco Le Piane

European Energy e Quercus Assets Selection hanno siglato un contratto di compravendita per l’impianto eolico Bosco Le Piane.

Bosco Le Piane è situato in Basilicata, nel sud Italia. Il progetto, che prevede tredici turbine eoliche Siemens Gamesa Renewable Energy e sarà completato il 5 settembre 2018, è in corso di realizzazione e rappresenta il maggior impianto eolico attualmente in costruzione in Italia.

Il commento di Knud Erik Andersen, fondatore e CEO di European Energy A/S:

“Abbiamo instaurato un dialogo costruttivo con Quercus, apprezzandone la professionalità e la determinazione con cui hanno portato avanti il processo. Questo è il primo dei nostri progetti a essere rilevato da Quercus e auspico che il perfezionamento dell’acquisizione segnerà l’inizio di un rapporto duraturo e vantaggioso per entrambe le parti.”

Pietro Zerauschek, Quercus Country Manager per il mercato italiano:

“Il modello di business di European Energy è perfettamente in linea con il profilo di rischio/rendimento che offriamo ai nostri investitori e la loro esperienza internazionale garantisce la massima qualità possibile. L’eolico rappresenta un’asset class importante per i nostri fondi infrastrutturali e cercheremo di crescere in tale ambito anche con l’aiuto di European Energy in Italia e altri mercati europei strategici.”

Il perfezionamento dell’operazione è atteso entro la fine dell’anno.

Quercus Assets Selection:

Nato nel 2010 per volontà dell’attuale CEO Diego Biasi e Simone Borla, Quercus Assets Selection è uno dei principali fondi europei specializzati nelle energie rinnovabili. Dal lancio a oggi il fondo ha gestito cinque strategie diverse per tecnologia e politica di investimento: dall’edilizia all’attività di M&A. Ha all’attivo una Joint Venture con il governo britannico nel settore delle biomasse nel Regno Unito nonché con Swiss Life nell’ambito del mercato fotovoltaico per impianti di grandi dimensioni in Italia.

European Energy:

European Energy realizza impianti eolici e fotovoltaici nonché soluzioni per lo stoccaggio di energie rinnovabili di grandi dimensioni e ha installato una capacità complessiva di oltre 1 GW.

Quercus e ERG: Una NewCo per il consolidamento del settore fotovoltaico in Italia

Genova, 3 Agosto 2018

ERG, primario produttore italiano di energia da fonti rinnovabili con oltre 2.800 MW di capacità installata, e Quercus Assets Selection Sarl, fondo Europeo focalizzato su investimenti in fonti rinnovabili con oltre 350 milioni di Euro di asset under management, hanno firmato oggi un accordo per la costituzione della società per azioni ERG Q Solar1, con sede legale a Genova, partecipata al 60% da ERG e al 40% dal comparto Quercus Italian Solar Fund, con l’obiettivo di consolidare il mercato fotovoltaico italiano.

La costituzione di tale società è prevista entro il 30 settembre 2018.

La NewCo, che opererà solo in Italia, è finalizzata all’acquisizione di impianti solari di piccola taglia inferiori ad 1 MW di potenza installata, con un target fino a 150 MW entro la fine del 2021. Gli investimenti complessivi sono previsti per un valore massimo di 350 milioni di Euro nei prossimi tre anni, con un ritorno minimo target in termini di equity Internal Rate of Return “low double digit”, grazie anche alla realizzazione di sinergie industriali e finanziarie.

La governance della NewCo prevede un Consiglio di Amministrazione formato da 7 membri, 4 di nomina ERG fra cui il Presidente ed il Chief Financial Officer, e 3 nominati da Quercus cui spetterà designare il Chief Executive Officer. Al Consiglio di Amministrazione della nuova società spetterà, tra l’altro, l’approvazione delle proposte di investimento sulla base di linee guida preventivamente fissate.

Entrambi i soci potranno sciogliere la società in caso di mancato raggiungimento di obiettivi progressivi minimi di MW acquisiti, preventivamente concordati tra le parti. Quercus in ogni caso potrà cedere la propria quota a partire dal 1 aprile 2029, qualora ERG non abbia esercitato, a partire dal 1 gennaio 2029 ed entro il 31 marzo 2029, una call option per l’acquisto delle azioni della costituenda società detenute da Quercus ad un corrispettivo calcolato tenuto conto dei flussi di cassa netti distribuibili agli azionisti previsti per gli anni successivi.

Quercus apporterà il suo know how gestendo le attività di selezione dei potenziali target, ed il coordinamento delle attività di negoziazione, mentre ERG contribuirà con le sue riconosciute competenze industriali e finanziarie.

Il Presidente di Quercus Vito Gamberale ha commentato: “ERG è protagonista dell’ innovazione energetica e leader in Italia nelle rinnovabili e siamo orgogliosi abbia scelto Quercus per aumentare le proprie capacità di penetrazione del mercato e gestione degli asset. Approccio finanziario e disciplina industriale saranno sempre di più la ricetta del successo, in particolare in un mercato cosi specialistico come quello del piccolo solare, in cui la presenza di un team locale come il nostro diventa fondamentale sia nelle negoziazioni che nella gestione post acquisizione”.

Il CEO di ERG Luca Bettonte ha commentato: “Questa alleanza permetterà ad ERG di sfruttare ulteriormente il proprio know how industriale, facendo leva sulla sua capillare presenza territoriale già sviluppata con la crescita nell’eolico. L’operazione si inquadra nella strategia di sviluppo del parco fotovoltaico italiano finalizzata all’ottimizzazione del proprio portafoglio di generazione, e permetterà al contempo di beneficiare dei potenziali elevati ritorni attesi nel segmento degli impianti di taglia medio-piccola.

ERG

Da 80 anni ERG opera nel settore dell’energia. Quotata alla Borsa di Milano, è il primo operatore eolico in Italia e tra i principali in Europa (1.791 MW), ed è attiva inoltre nella produzione di energia solare (90 MW), idroelettrica (527 MW)  e termoelettrica con impianti cogenerativa a basso impatto ambientale (480 MW).

QUERCUS ASSETS SELECTION

Fondata da Diego Biasi, attuale CEO, e da Simone Borla nel 2010, è uno dei primari fondi europei specializzati nelle energie rinnovabili. Dal lancio ad oggi il fondo ha gestito cinque strategie diverse per tecnologia e politica di investimento: dalla costruzione all’attività di M&A. Ha all’attivo una Joint Venture con il governo inglese nel settore delle biomasse inglesi e con Swiss Life nel mercato fotovoltaico italiano per impianti di grande scala.

Quercus annuncia l’acquisizione di sei impianti fotovoltaici (FV) in Italia con una capacità complessiva di 18,4 MW

Quercus Investment Partners (“Quercus”) annuncia il closing dell’acquisizione da X-Elio, produttore globale di energie rinnovabili già noto col nome di Gestamp Asetym Solar, di sei impianti Fotovoltaici solari a terra in Puglia e in Sicilia, per una capacità complessiva di 18,4 MW.

La transazione si è conclusa attraverso la controllata Azienda Solare Italiana S.p.A (“ASI”), acquisita da Quercus Assets Selection S.C.A. SICAV-SIF e Swiss Life Funds (Lux) Global Infrastructure Opportunities S.C.A. SICAV-SIF in un accordo di joint venture al 50% siglato ad aprile 2016.

Con queste acquisizioni, il portafoglio di Quercus conta ora ventotto impianti, pari a una capacità totale di 235 MW.

Diego Biasi, CEO e co-fondatore di Quercus, commenta: Questa operazione rappresenta una tappa importante per Quercus e consente di espandere la nostra capacità fotovoltaica installata in Italia a oltre 136 MW. Ad oggi il valore dei nostri progetti di investimento in energia rinnovabile in Europa raggiunge 300 MW, un ulteriore passo avanti nella nostra strategia di consolidamento sul lungo raggio nel mercato italiano ed europeo per divenire leader nel settore. Continueremo a investire in Italia attraverso l’acquisizione di impianti esistenti con forte potenziale in termini di capacità produttiva e flussi di liquidità immediati per i nostri investitori”.

Quercus

Quercus Investment Partners Limited, con sede legale a Londra, è sottoposto a vigilanza da parte della FCA e fornisce servizi di consulenza a Quercus Assets Selection Sarl, socio accomandatario di SICAV-SIF Quercus Assets Selection SCA, il quale è soggetto a vigilanza da parte della CSSF in Lussemburgo.

Obiettivo di Quercus Assets Selection è costituire un portafoglio di attivi equilibrato e diversificato sia in termini tecnologici sia geografici, con un rendimento superiore all’inflazione nonché una bassa correlazione con i mercati finanziari tradizionali e assicurando al contempo flussi finanziari stabili e prevedibili in un orizzonte di investimento di lungo periodo.

 

Quercus realizza un rendimento superiore al 9% sulla cessione della propria quota in ForVEI, una joint venture di Private Equity nel settore delle energie rinnovabili

Milano, Londra, Roma, Lussemburgo, Dubai: 16 gennaio 2017: Quercus Assets Selection, società specializzata in investimenti in infrastrutture rinnovabili, annuncia dal World Future Energy Summit di Abu Dhabi che il Fondo da essa controllato, Quercus Renewable Energy, ha perfezionato la cessione della propria quota in ForVEI, una joint venture tra Quercus Renewable Energy, VEI Capital, Foresight Solar VCT e Adenium Solar Energy. ForVEI è attiva in Italia nei settori del Private Equity, delle infrastrutture e dell’energia.

Nel 2011 Quercus aveva investito inizialmente 8 milioni di euro in ForVEI, e al momento della cessione a fine dicembre 2016 possedeva una partecipazione prossima al 10% del capitale della joint venture. La dismissione ha generato un IRR superiore al 9% per Quercus e rappresenta la prima operazione di questo tipo portata a termine dal Fondo Quercus Renewable Energy (QRE), costituito nel 2010. Quercus utilizzerà i proventi della cessione per distribuire un dividendo agli azionisti nel primo trimestre dell’anno in corso. Il fondo QRE punta a valorizzare investimenti dopo una permanenza nel capitale delle aziende partecipate compresa tra 5 e 7 anni, e sarà liquidato entro il termine del 2018.

Diego Biasi, Co-fondatore e Amministratore Delegato di Quercus: “ForVEI ha rappresentato per Quercus un investimento eccellente e stabile. Siamo felici di averlo valorizzato con un IRR interessante. Il settore delle energie rinnovabili in Italia si confronta con un quadro normativo stabile, ma essendo arrivati relativamente presto sul mercato, quando la situazione era meno prevedibile, l’approccio di investimento di Quercus ha permesso di investire in maniera efficace e con obiettivi di lungo termine ben delineati. Il portafoglio di QRE è stato ottimizzato nel corso degli anni ed è ben posizionato per soddisfare le aspettative di lungo periodo degli investitori.” 

La cessione di ForVEI fa seguito al recente primo closing per 150 milioni di euro di tre fondi dedicati alle infrastrutture rinnovabili, con l’intenzione di raccogliere complessivamente 500 milioni di euro entro il dicembre del 2018. I tre nuovi fondi puntano a un annual dividend yield del 6% con distribuzione semestrale e un IRR superiore all’11%. Con essi, Quercus si colloca tra i tre maggiori fondi dedicati alle infrastrutture per le energie rinnovabili in Europa.

A dicembre la Società ha annunciato anche la distribuzione del primo dividendo straordinario, di circa il 20%, da parte dell’Italian Solar Fund, nonché un’emissione obbligazionaria di circa 125 milioni di euro con una cedola del 3% e scadenza ventennale. Quercus è ora alla ricerca di nuovi investitori e opportunità di investimento così da estendere la propria strategia ad altre giurisdizioni.

Quercus

Quercus Investment Partners Limited, con sede legale a Londra, è sottoposto a vigilanza da parte della FCA e fornisce servizi di consulenza a Quercus Assets Selection Sarl, socio accomandatario di SICAV-SIF Quercus Assets Selection SCA, il quale è soggetto a vigilanza da parte della CSSF in Lussemburgo.

Obiettivo di Quercus Assets Selection è costituire un portafoglio di attivi equilibrato e diversificato sia in termini tecnologici sia geografici, con un rendimento superiore all’inflazione nonché una bassa correlazione con i mercati finanziari tradizionali e assicurando al contempo flussi finanziari stabili e prevedibili in un orizzonte di investimento di lungo periodo.

Per maggiori informazioni, visitate il sito www.quercus-partners.com o rivolgetevi a:

Quercus

Farid Nouriev

Investor Relations

Tel: +44 20 7871 4535

E-mail: farid.nouriev@quercus-partners.com

Instinctif Partners, UK Media Enquiries

Mark Walter

George Yeomans Тel:+44 (0)20 7457 2020

E-mail: Quercus@instinctif.com

Be Media, ITA Media Enquiries

Alberto Murer

M: +393346086216

E: a.murer@bemedia.it

Daniele Occhi

M: +393467549834

E: d.occhi@bemedia.it

 

Quercus: successo nell’emissione del bond e primo dividendo straordinario, di circa il 20%, per gli investitori.

Londra, Roma, Lussemburgo, 23 Dicembre 2016: Quercus, il fondo specializzato nelle energie rinnovabili,  ha finalizzato,  tramite la controllata Azienda Solare Italiana (ASI), la piu’ grande emissione obbligazionaria in Italia, basata su un portafoglio di impianti ad energia solare.

Il controvalore dell’emissione e’ stato pari a circa Eur 125 ml.

Il totale della richiesta da parte degli investitori, essenzialmente sul campo Assicurativo, ha raggiunto quasi tre volte l’ammontare disponibile, a conferma dell’attenzione e della fiducia che gli investitori istituzionali hanno, in generale, verso il settore delle rinnovabili e, specificatamente,  verso il progetto Quercus.

Quercus, co-fondato da Diego Biasi che ne e’ il CEO e nel quale Vito Gamberale ricopre il ruolo di Presidente, e’ socio paritetico in ASI assieme a Swiss Life, il prestigioso gruppo assicurativo elvetico con rating S&P’s pari a AAA.

ASI detiene un portafoglio di campi fotovoltaici, tra i più efficienti in Italia, distribuiti tra il Lazio, la Puglia e la Sicilia. Fu rilevata, nel giugno scorso, da Quercus e Swiss Life. Successivamente sono state aggiunte altre acquisizioni di campi, nel Molise, sotto forma di “add-on”.

L’emissione obbligazionaria e’ stata decisa per ottimizzare la struttura debitoria dell’intero portafoglio.

Diego Biasi, amministratore Delegato di Quercus sottolinea che “grazie alla ristrutturazione del debito e ad altre efficienze apportate, siamo riusciti a liberare risorse finanziarie che daranno luogo ad un dividendo straordinario di circa il 20% del capitale investito dal Quercus Italian Solar. La relativa  distribuzione  agli investitori avverrà in due tranche: una entro Natale e l’altra dopo l’approvazione del bilancio 2016.”

Il dividendo e’ stato generato a meno di un anno dal lancio del Fondo Solare e a poche settimane dal primo closing. “Siamo stati molto efficienti nel concretizzare alcune delle opportunita’ di investimento che avevamo identificato” commenta Vito Gamberale, presidente di Quercus “e abbiamo trasformato, in tempi rapidissimi, i commitment degli investitori in investimenti effettivi e altamente redditizi.”

“Questi vari efficentamenti” acontinua Gamberale “sono la riprova che i fondi organizzati con una gestione diretta dei propri asset sono i piu’ adeguati a creare valore dopo le acquisizioni. Difficilmente un team di asset management esterno  avrebbe raggiunto un tale risultato”.

QUERCUS

Quercus è un Fondo Specializzato nelle Energie Rinnovabili: Diego Biasi ne è il Co-Founder e il CEO.

Quercus ha un track record di 6 anni, con 2 Fondi lanciati, raccolti, investiti, per globali circa 200 M€, con i seguenti risultati: dividend annual yield 5 e 6%; IRR 9 e 10%.

Nel luglio 2015, Vito Gamberale è diventato il Presidente di Quercus, portando l’esperienza di F2i, divenuto, in 8 anni, il più grande Fondo Infrastrutturale Europeo, con i seguenti risultati: dividend annual yield del 6%; IRR sopra il 15%. F2i ha creato piattaforme infrastrutturali in vari settori, tra cui una nelle Energie Rinnovabili, divenuta la seconda nel Paese.

Su queste basi di esperienze nella gestione dei Fondi e specializzazioni nel campo delle Energie Rinnovabili, Quercus ha lanciato, all’inizio del 2016, un nuovo, unico progetto, basato su 3 Fondi: Italian Wind, da 150 m€; Italian Solar, da 150 M€; European MultiTech, da 200M€.

I target reddituali, offerti  agli Investitori, sono in linea con i background di Biasi e di Gamberale: dividend annual yield del 6%, distribuito in 2 semestralità; IRR sopra l’11%.

 

Per ulteriori informazioni:

www.quercus-partners.com

 

Quercus

Farid Nouriev

Investor Relations

Tel: +44 20 7871 4535

E-mail: farid.nouriev@quercus-partners.com

 

Be Media, Ufficio stampa ITA

Alberto Murer

M: +393346086216

E:  a.murer@bemedia.it

Daniele Occhi

M: +393467549834

E: d.occhi@bemedia.it

 

Instinctif Partners, Ufficio stampa UK

Mark Walter

George Yeomans

Тel:+44 (0)20 7457 2020

E-mail: Quercus@instinctif.com

QUERCUS: PRIMO CLOSING A 150 M€ PER IL NUOVO PROGETTO DEL FONDO

Lussemburgo, 9 Dicembre 2016. Raggiunto il primo obbiettivo di raccolta di  150 M€ per il nuovo progetto lanciato da Quercus.

Quercus è un Fondo Specializzato nelle Energie Rinnovabili: Diego Biasi ne è il Co-Founder e il CEO.

Quercus ha un track record di 6 anni, con 2 Fondi lanciati, raccolti, investiti, per globali circa 200 M€, con i seguenti risultati: annual dividend yield 5 e 6%; IRR 9 e 10%.

Nel luglio 2015, Vito Gamberale è diventato il Presidente di Quercus, portando l’esperienza di F2i, divenuto, in 8 anni, il più grande Fondo Infrastrutturale Europeo, con i seguenti risultati: annual dividend yield del 6%; IRR sopra il 15%. F2i ha creato piattaforme infrastrutturali in vari settori, tra cui una nelle Energie Rinnovabili, divenuta la seconda nel Paese.

Su queste basi di esperienze nella gestione dei Fondi e specializzazioni nel campo delle Energie Rinnovabili, Quercus ha lanciato, all’inizio del 2016, un nuovo, unico progetto, basato su 3 Fondi: Italian Wind, da 150 m€; Italian Solar, da 150 M€; European MultiTech, da 200M€.

I target reddituali, offerti  agli Investitori, sono in linea con i background di Biasi e di Gamberale: annual dividend yield del 6%, distribuito in 2 semestralità; IRR sopra l’11%.

Una raccolta globale, quindi, di 500M€. Con tale obiettivo, Quercus sarà fra i  “Top 3 European Funds” specializzati nelle Energie Rinnovabili.

“L’attività del nuovo progetto Quercus” ha sottolineato Biasi “sarà rivolta prevalentemente in Italia, dove Quercus concentrera’ i due terzi degli investimenti previsti: quelli indirizzati agli impianti eolici (Fondo Italian Wind), quelli fotovoltaici (Fondo Italian Solar) e una parte – idro e biomasse – di quelli diversificati (Fondo European Multitech).

Per il Fondo European Multitech, a perimetro europeo, si investirà, preferibilmente, nella Penisola Scandinava, in Gran Bretagna, oltre che, come detto, in Italia”.

“L’obiettivo” ha precisato Gamberale  “è di acquisire impianti esistenti, con un minimo di tre anni di consolidata attività alle spalle: si vuole avere certezza delle effettive potenzialità produttive. Aspetto questo che, insieme a tariffe definite, attribuite ai singoli impianti, consente di collocare le quote dei 3 fondi come High Yield Bond, con il privilegio di essere correlate ad asset “investment grade” e totalmente decorrelate dalla volatilità dei mercati.

Quercus intende contribuire al superamento della frammentazione, caratteristica peculiare del mercato europeo delle rinnovabili.

La capillare conoscenza dei vari parchi – eolici e fotovoltaici – e degli impianti – idroelettrici e a biomasse – distribuiti in Italia e in alcuni Paesi Europei, consente a Quercus un diretto accesso a concrete opportunità di investimento.

Quercus eviterà di alimentare confronti competitivi al rialzo, a tutela del rendimento da assicurare e distribuire ai propri investitori”.

Quercus può contare su un team internazionale (CIO danese, COO spagnolo, responsabile del team legale iraniano, country manager italiano per l’Italia, ecc), basato su Londra e su Milano, che annovera competenze tecniche, finanziarie e gestionali, in grado di assicurare agli asset acquisiti una gestione diretta, oltre ad ogni possibile tipo di efficientamento.

In parallelo all’attivita’ di raccolta, Quercus ha dato inizio agli investimenti, con una prima strategica acquisizione, in joint venture paritetica con l’assicurazione svizzera Swiss Life: sono stati acquistati gli asset rinnovabili, dal fondo di private equity francese Antin Investment Partners, costituiti da 77Mw di impianti fotovoltaici (ai quali sono stati già aggiunti degli “add-on”).

“Questo primo investimento” ha dichiarato Gamberale  “consentirà a Quercus di procedere, già entro quest’ultimo scorcio del 2016, ad un dividendo straordinario superiore al target del dividendo annuale previsto dal regolamento”.

“Entro i prossimi cinque anni Quercus mira a far parte dei principali operatori europei nel settore delle energie rinnovabili e a ricoprire una posizione tra i primi operatori italiani”, afferma Biasi, “anche tramite alleanze strategiche con partner finanziari ed industriali”.

Gli investitori che hanno sottoscritto i tre fondi sono Assicurazioni Vita, Fondazioni Bancarie, Casse di Previdenza, Fondi Pensione.

E’ quanto emerso dal consiglio di amministrazione che conferma il target complessivo minimo di raccolta per il nuovo progetto, pari a  500 M€ entro Dicembre 2018. Il prossimo closing del fondo e’ previsto durante la prima meta’ del 2017.

Quercus e Swiss Life Asset Managers annunciano l’acquisizione di due impianti fotovoltaici in Italia con una potenza installata complessiva di c. 7.3MW.

Quercus Assets Selection e Swiss Life Asset Managers annunciano la riuscita acquisizione di due impianti solari fotovoltaici in Molise con una capacità installata di 6.5MW e 0.77MW.

La transazione è stata condotta e completata da Azienda Solare Italiana S.p.A. (“ASI”), precedentemnte conosciuta come Antin Solar Investment, che Quercus e Swiss Life Asset Managers avevano acquisito nell’Aprile del 2016 in una joint-venture paritaria. Con l’aggiunta di questi asset il portafoglio di ASI ora consiste di undici impianti per un totale di 84.4 MW e una produzione annuale di 140 GWh.

Umberto Tamburrino, Amministratore Delegato di ASI, ha commentato: “Come promesso al momento dell’acquisizione da parte di Quercus e Swiss Life Asset Managers, stiamo riprendendo a costruire il nostro track-record segnato dall’acquisizione di impianti fotovoltaici di alta qualità. Questa transazione è una conferma del nostro obbiettivo di diventare uno dei principali consolidatori del mercato fotovoltaico italiano.”

Diego Biasi, Amministratore Delegato e co-fondatore di Quercus, ha spiegato: “Questa acquisizione dimostra il nostro impegno e la nostra capacità di mettere in atto la nostra strategia di investimento attraverso operazioni di diverse dimensioni, all’interno di un mercato italiano che continua a presentare opportunità significative.”

Constantin Dogos, Membro del Board di ASI e Direttore del  team investimenti infrastrutturali di Swiss Life Asset Managers, ha commentato: “Con questa acquisizione aggiuntiva rimaniamo coerenti con la nostra strategia d’investimento per ASI, e continueremo a supportare opportunità simili in futuro.”

Gli advisor di ASI su questa transazione sono Hogan Lovells, EOS e Deloitte, che hanno supportato la società dal punto di vista legale, tecnico e fiscale, rispettivamente. L’advisor legale del venditore è Gattai, Minoli, Agostinelli, Partners.

Quercus annuncia l’esito positivo dell’operazione di finanziamento nel Regno Unito di tre asset fotovoltaici con Santander UK

Londra, Lussemburgo: Quercus Assets Selection annuncia il successo dell’operazione di finanziamento di tre impianti solari fotovoltaici nel Regno Unito: Sidlesham, Burton e Stanton. Santander UK ha erogato un finanziamento di £13,6 milioni con scadenza a 10 anni.

A seguito di questa operazione i tre impianti diventano di proprietà di Quercus Renewable Holding 2, una holding facente capo a Quercus stessa. L’accordo rappresenta una pietra miliare nella strategia di consolidamento intrapresa da Quercus, volta ad incrementare i rendimenti tramite un attento processo di ottimizzazione a livello finanziario e operativo. Il fulcro di tale processo risiede nella capacità della Società di far leva sulle economie di scala.

I tre impianti di Sidlesham, Stanton e Burton hanno una capacità combinata di 21,3 MW e sono ubicati rispettivamente a Chichester, Swindon e Stratford-upon-Avon. Sono tutti connessi alla rete da maggio 2015 e sono accreditati da parte dell’Ofgem nell’ambito del programma Renewable Obligation, con validità ventennale. Gli impianti generano 21 GWh di elettricità all’anno, sufficienti a fornire energia a circa 5000 nuclei familiari, consentendo di risparmiare ogni anno fino a 9160 tonnellate di emissioni di CO2.

Diego Biasi, CEO e Co-fondatore di Quercus, ha commentato “Uno dei nostri focus continua ad essere la fornitura di energia pulita alla clientela nel Regno Unito grazie ai nostri impianti locali per la generazione di energia rinnovabile. Siamo estremamente soddisfatti della partnership con Santander e di aver raggiunto un accordo di fondamentale importanza e vantaggioso per entrambe le parti, volto a ottimizzare i rendimenti dei nostri investitori in relazione a questi tre impianti”.

Mark Cumbo, Director – Infrastructure & Renewable Energy, Santander UK, a proposito dell’accordo ha dichiarato: “Siamo lieti di aver avuto l’opportunità di sostenere il management team di Quercus durante tale processo e di fornire un pacchetto di finanziamenti su misura che, fondamentalmente, contribuisce a sostenere i rendimenti del rispettivo gruppo di investitori. Siamo desiderosi di far leva su questo successo e collaborare con Quercus anche in futuro”.

Altri soggetti coinvolti nell’operazione di finanziamento sono stati Osborne Clarke LLP, in qualità di consulente legale del Finanziatore, e Norton Rose Fulbright LLP, quale consulente legale di Quercus.

Quercus e Swiss Life Asset Managers firmano il closing e acquisiscono gli asset fotovoltaici italiani di Antin per 77,1 MW di potenza installata.

Quercus Assets Selection e Swiss Life Asset Managers annunciano la positiva finalizzazione dell’acquisizione in joint-venture paritaria di Antin Solar Investments, ora Azienda Solare Italiana Spa (“ASI”). Il 18 dicembre 2015 la joint-venture, denominata Quercus Swiss Life Italian Solar Srl, aveva sottoscritto un accordo vincolante con Antin Infrastructure Partners per l’acquisto del 100% delle quote di ASI.

ASI è una delle principali piattaforme di investimento nel settore fotovoltaico (“PV”) in Italia. Fondata nel 2011, il portafoglio è costituito da nove impianti per un totale di 77,1 MW, ed è il quinto operatore solare fotovoltaico in Italia in termini di produzione annua. Gli impianti sono situati in Lazio, Sicilia e Puglia, che sono tra le regioni a più alta irradiazione in Europa.

Il completamento di questa operazione rappresenta una pietra miliare fondamentale per le due società impegnate nella joint-venture. Il portfolio totale europeo di Quercus supera ora i 266 MW, e la combinazione degli asset italiani di Quercus e ASI rappresenta oggi il terzo operatore fotovoltaico in Italia in termini di capacità installata. Questo accordo espande inoltre la presenza europea del primo fondo attivamente gestito da Swiss Life Asset Managers, diversificandone inoltre il portfolio di energie rinnovabili che include asset solari in Canada e parchi eolici negli Stati Uniti e nel Regno Unito.

Diego Biasi, co-fondatore e Amministratore Delegato di Quercus ha affermato: “Siamo molto orgogliosi di aver finalizzato questa importante operazione con un partner di grande valore come Swiss Life Asset Managers, ma soprattutto di poter aggiungere al nostro portafoglio Azienda Solare Italiana, una delle migliori piattaforme oggi disponibili sul mercato italiano. ASI rappresenta inoltre un’ottima piattaforma grazie alla quale potremo capitalizzare ulteriori opportunità di crescita per i nostri investitoti in un mercato che rimane altamente frammentato.”

Chris Manser, Head degli Investimenti in Infrastrutture di Swiss Life Asset Managers, ha commentato: “L’acquisizione di ASI è un’aggiunta eccellente al nostro portfolio globale di asset infrastrutturali, e ci permette di partecipare alle opportunità di consolidamento del mercato fotovoltaico italiano. Data la strategia di investimenti minoritari perseguita da Swiss Life Asset Managers, siamo felici di avere trovato in Quercus un partner affidabile con cui condividere questa operazione su base paritaria.”

Umberto Tamburrino, Amministratore Delegato della Società, ha commentato: “Siamo felici di avere due nuovi soci che condividono la nostra visione per il futuro delle fonti rinnovabili e restano estremamente impegnati a rendere ASI una degli operatori di riferimento del processo di consolidamento nel mercato italiano.”

Quercus lancia ufficialmente i nuovi fondi focalizzati sulle energie rinnovabili

Facendo seguito all’approvazione da parte del Board, avvenuta ad ottobre 2015, Quercus Assets Selection, società specializzata in investimenti infrastrutturali di larga scala per le energie rinnovabili a livello italiano ed europeo, annuncia di avere lanciato due nuovi fondi infrastrutturali focalizzati sulle energie rinnovabili, portando così a cinque il totale dei fondi nel proprio portafoglio.

I nuovi fondi avranno un orizzonte d’investimento di almeno 10 anni e un obbiettivo di IRR dell’8-10%, che nel caso del fondo eolico sarà del 9-11%.

Le caratteristiche chiave dei fondi Quercus sono la stabilità dei rendimenti nel tempo, il basso profilo di rischio, la generazione di cash flow sostenibili e prevedibili, nonché la decorrelazione rispetto ai mercati finanziari. Queste proprietà ne fanno lo strumento ideale per investitori istituzionali di lungo termine contraddistinti da avversione al rischio e necessità di protezione del capitale, quali Fondi pensione, Casse di previdenza, Fondazioni e Banche.

I tre nuovi fondi Quercus consentiranno di partecipare a un mercato in forte espansione, quello delle energie rinnovabili, che offre ancora opportunità d’investimento significative. Si stima infatti che la quota di elettricità proveniente da fonti rinnovabili andrà a raddoppiare nei prossimi 25 anni, raggiungendo il 46% di tutta l’elettricità prodotta a livello mondiale nel 2040 rispetto al 23% attuale.

In questo scenario globale il mercato italiano è particolarmente attrattivo, dato un quadro d’incentivi ormai stabile e il fatto che l’elettricità da fonti rinnovabili ha precedenza assoluta nel vettoriamento in rete. Inoltre, se da una parte l’Italia si qualifica come il 4° paese al mondo per potenza fotovoltaica e il 9° per potenza eolica installata (18,3 e 8,7 GW rispettivamente), dall’altra presenta un grado di frammentazione del mercato particolarmente elevato. Esistono di conseguenza delle importanti opportunità in termini di aggregazione e consolidamento da parte di attori con capacità di finanziamento, sourcing ed esecuzione rilevanti.

Diego Biasi, Amministratore Delegato e co-fondatore di Quercus, ha aggiunto: “Con il nostro track record costituito da due fondi già sottoscritti e investiti (Quercus Renewable Energy e Quercus Renewable Energy II) che stanno generando IRR rispettivamente dell’8 e del 9%, affrontiamo questa nuova sfida con molto entusiasmo. Ciò che pensiamo di poter raggiungere è il sourcing rapido delle iniziative migliori e l’individuazione di soluzioni finanziarie efficaci per ottimizzare l’asset allocation del portafoglio.”

Quercus vince la gara e acquisisce gli asset fotovoltaici italiani di Antin per 77,1 MW di potenza installata, in joint venture con Swisse Life.

Nell’ambito di una procedura di gara internazionale, Quercus Assets Selection ha presentato un’offerta vincolante e si è aggiudicata Antin Solar Investments, il portafoglio italiano di impianti fotovoltaici facente capo al fondo infrastrutturale francese Antin Infrastructure Partners.

L’operazione è stata condotta e chiusa in joint venture paritaria con il Swiss Life Asset Managers. L’enterprise value del portafoglio ammonta a circa 310 milioni di euro. Oltre all’elevata qualità degli asset, i due partner – che per finalizzare l’operazione hanno costituito la società Quercus Swiss Life Italian Solar srl – hanno valutato anche la comprovata capacità di Antin Solar Investments di garantire una remunerazione attrattiva per gli azionisti.

Il portafoglio di Antin Solar Investments è composto da nove impianti per un totale di 77,1 MW, e rappresenta il quinto più grande operatore in termini di generazione di energia da fonte solare in Italia. Gli impianti sono ubicati nelle regioni Lazio, Sicilia e Puglia, che sono tra le regioni a più alta irradiazione in Europa.

Con questa operazione arriva così a 266,5 MW il totale degli asset presenti nel portafoglio di Quercus Assets Selection, fondo specializzato nelle infrastrutture di energie rinnovabili in Italia e in Europa.

Diego Biasi, co-fondatore e Amministratore Delegato di Quercus ha affermato: “Siamo molto orgogliosi di essere risultati vincitori di un processo di gara così competitivo per l’aggiudicazione di Antin Solar Investments, una delle migliori piattaforme oggi disponibili sul mercato italiano “.

“L’opportunità iniziale di investire in un portafoglio di impianti di qualità particolarmente elevata ci permette di dare un segnale forte agli investitori circa i nostri piani di investimento in Italia nel fotovoltaico. Questo traguardo ci rinsalda nell’impegno di perseguire obiettivi altrettanto ambiziosi anche nel settore eolico”

Chris Manser, Head of Infrastructure Investments di Swiss Life Asset Managers, ha commentato: “L’acquisizione di ASI è un’eccellente aggiunta al nostro portafoglio globale di beni infrastrutturali e ci fornisce una piattaforma per catturare l’opportunità di consolidamento nel mercato fotovoltaico italiano. In linea con la strategia di Swiss Life Asset Managers di acquisire partecipazioni di minoranza, siamo molto felici di aver trovato in Quercus un partner con un approccio coerente per condividere questo accordo su base 50/50”

“La diversificata presenza geografica di Quercus nel comparto fotovoltaico anche in altri mercati europei, quali Regno Unito ed Europa dell’Est, – ha commentato Umberto Tamburrino, CEO di  Antin Solar Investments – sarà perfettamente complementare rispetto al profilo italiano dell’attuale portafoglio e tale combinazione rappresenterà un presupposto per emergere come leader anche nel mercato europeo delle energie rinnovabili”.

UBI Banca ha supportato finanziariamente l’operazione con una linea di credito aperta a complemento dell’equity committment degli investitori.

Studio Borghesi e Associati ha assistito Quercus in qualità di advisor finanziario, mentre Ashurst è stato l’advisor legale della joint venture.

Il Board di Quercus approva il lancio dei nuovi fondi focalizzati sulle energie rinnovabili

I fondi Quercus Italian PV e Quercus Italian Wind andranno a complementare il fondo Quercus European Renewables per un obiettivo di fundraising pari a €500 milioni, aprendo nuove opportunità d’investimento significative in un mercato delle rinnovabili in piena espansione.

Londra, Lussemburgo – Quercus Assets Selection, società specializzata in investimenti infrastrutturali di larga scala per le energie rinnovabili a livello italiano ed europeo, annuncia di essere in procinto di lanciare due nuovi fondi infrastrutturali focalizzati sulle energie rinnovabili, portando così a cinque il totale dei fondi nel proprio portafoglio.

I due fondi in fase di lancio andranno a complementare il fondo Quercus European Renewables al fine di massimizzare il profilo rischio/rendimento dei fondi attraverso un’accurata strategia di diversificazione.

L’obiettivo di raccolta totale sui tre fondi è di almeno €500 milioni, che saranno investiti in impianti eolici e fotovoltaici già connessi e operativi in Italia, come anche in altre tecnologie rinnovabili in Europa.

Oggi in Italia le energie rinnovabili hanno un ruolo che io identifico in 3P: Predominante, Prevalente, Preferenziale – ha affermato Vito Gamberale, Presidente di Quercus – Nel paese si è creato un potenziale enorme, ma ancora estremamente frammentato e vedo la necessità, più che lo spazio, per un processo di aggregazione.  In questo quadro, credo che l’ambizione di Quercus possa essere quella di diventare un operatore di fascia medio-alta nelle energie rinnovabili in Italia. Per questo motivo, metterò la mia personale rendita accumulata di esperienza al servizio di un progetto che appare intelligente e possibile.

Quercus: Vito Gamberale nuovo Chairman di Quercus Assets Selection

Prosegue il percorso di sviluppo dei fondi Quercus, specializzati nelle infrastrutture per le energie rinnovabili

Sarà Vito Gamberale il nuovo Chairman di Quercus Assets Selection, la societa’ di gestione specializzata in infrastrutture delle energie rinnovabili (come impianti solari, eolici e biomasse) che ha al suo attivo tre fondi già operativi in Italia e nel resto d’Europa e nuovi progetti di sviluppo.

Il Gruppo Quercus fa capo a Diego Biasi, che ne ricopre il ruolo di Amministratore Delegato, ed è specializzato in investimenti infrastrutturali di larga scala sulle energie rinnovabili. La strategia di investimento di lungo termine adottata sottende una bassa correlazione con i mercati finanziari tradizionali e si è rivelata vincente specialmente in un periodo di rallentamento economico generale.

L’ingresso di Gamberale, portatore di una lunga esperienza manageriale e di indiscussa competenza nel settore delle infrastrutture, contribuirà a dare un ulteriore impulso all’espansione del gruppo Quercus, sia in Italia che a livello internazionale.

Infatti, il suo arrivo segue di poche settimane il lancio del fondo Quercus Italian Wind, dedicato ad impianti eolici già in esercizio in Italia, con un obiettivo minimo di raccolta di 150 milioni di Euro, da investire nei prossimi 2 anni, per costruire un portafoglio con una potenza base di 300 MW.

Quercus Italian Wind è il terzo fondo di Quercus. Il primo, Quercus Renewable Energy Fund, è stato lanciato nel 2010 ed è specializzato in impianti fotovoltaici in Italia. Attualmente partecipa a un portafoglio di 11 impianti per quasi 80MW.

Il secondo, Quercus Renewable Energy II – ancora in fase di investimento – è stato lanciato nel 2011 con lo scopo di cogliere le opportunità di investimento offerte dal settore delle energie rinnovabili in tutta Europa e ha già sviluppato un portafoglio di 13 impianti diversificato tecnologicamente e geograficamente con una potenza installata di oltre 120 MW.

“Sono particolarmente orgoglioso che un manager del calibro di Vito Gamberale abbia individuato in Quercus una piattaforma di sviluppo dalle potenzialità’ elevate nel settore delle infrastrutture – ha affermato Diego Biasi, co-fondatore e Amministratore Delegato di Quercus. Grazie al suo contributo auspico che riusciremo a raggiungere gli ambiziosi traguardi che ci siamo prefissi”.

Da parte sua, Gamberale, così commenta:

“Sono contento di mettere a disposizione la mia esperienza nelle infrastrutture per un progetto importante come finalità industriali ed attualità ecologiche”.

Quercus Investment Partners Limited, con sede a Londra, è regolamentata dalla FCA nel Regno Unito e fornisce servizi di consulenza a Quercus Assets Selection S.ar. l, general partner della la SICAV-SIF Quercus Assets Selection S.C.A. che è regolamentata dal CSSF in Lussemburgo.

I membri del team vantano significative esperienze nei settori delle infrastrutture, degli investimenti tradizionali e alternativi, in importanti società di costruzione e in primari studi legali specializzati in investimenti nelle energie rinnovabili. Quercus si avvale inoltre di un valido network di professionisti esterni di alto standing con competenze specifiche nei settori di riferimento.

Tale struttura garantisce un grado di flessibilità estremo che ben si adatta alle ambizioni del fondo di costruire un portafoglio di progetti differenziati per tecnologia e geografia. La capacità di creare gruppi di lavoro ad-hoc consente inoltre di ottenere livelli di competenze specifiche, difficilmente presenti in un’unica organizzazione.

Quercus completa la costruzione e il collegamento in rete di tre impianti fotovoltaici nel regno unito

Il nuovo allaccio porta il contributo totale degli impianti solari di Quercus alla rete UK a superare i 65 MW.

Londra, Lussemburgo – Quercus Asset Selection, società specializzata in investimenti in infrastrutture con un focus sulle energie rinnovabili, annuncia di aver completato la costruzione e il collegamento alla rete elettrica britannica di tre ulteriori impianti fotovoltaici nel Regno Unito, rispettivamente a Stratford Upon Avon, a Swindon e a Sidlesham, Chichester.

Quercus ha completato l’acquisizione dei tre progetti greenfield nel dicembre 2014 e, dopo aver finalizzato la costruzione degli impianti, la Società ha raggiunto l’obiettivo di collegare il terzo parco il 27 marzo scorso. Insieme, i tre impianti raggiungono una potenza di picco combinata pari a 20,4 MW, che viene immessa nella rete elettrica UK. I tre parchi attivati generano energia sufficiente a soddisfare il fabbisogno energetico di circa 4.000 abitazioni all’anno, con un beneficio previsto in termini ambientali pari a un risparmio di 9.160 tonnellate di emissioni di anidride carbonica ogni anno.

La prima delle tre centrali fotovoltaiche, che sono state tutte autorizzate in marzo, è all’interno del Burton Solar Farm vicino a Stratford Upon Avon e genera una potenza di picco di 4,4 MW. Il secondo impianto è nello Stanton Solar Farm, che si trova in Stanton Fitzwarren, Swindon, con una generazione di potenza di picco pari a 5 MW. Il terzo impianto, collegato la scorsa settimana, è a Sidlesham vicino a Chichester e genera 11MW di potenza.

Diego Biasi, co-fondatore di Quercus ha commentato: “Quercus è un investitore leader in infrastrutture e impianti nel settore delle energia rinnovabili e queste nuove centrali portano la nostra partecipazione al mercato fotovoltaico britannico a superare i 65 MW. Quercus è entrato nel settore dell’energia solare nel Regno Unito nel novembre 2013 e siamo lieti di aumentare la nostra presenza su un mercato che risulta particolarmente ambito dai nostri investitori, grazie alla sua capacità di generare interessanti rendimenti a lungo termine, in un contesto economico e normativo molto stabile. Stiamo infatti sviluppando la nostra pipeline esistente di progetti fotovoltaici in Gran Bretagna per aumentare la nostra presenza su questo interessante mercato.”

Quercus: Nuovi investimenti in UK per la costruzione di progetti fotovoltaici

Dopo l’investimento dello scorso novembre nel progetto fotovoltaico di 14MW in Cornovaglia, Quercus continua a credere nel mercato UK.

Quercus Asset Selection, società specializzata in investimenti infrastrutturali con focus sulle energie rinnovabili, annuncia un nuovo accordo con la società Progressum – società di ingegneria basata a Londra e specializzata nel settore fotovoltaico inglese – da cui ha acquisito una importante pipeline di progetti per la realizzazione di impianti fotovoltaici nel centro-sud dell’Inghilterra.

La costruzione degli impianti, prevista nel corso del 2014, verrà affidata al contractor spagnolo Bester Generacion, che da alcuni anni lavora per il fondo Quercus in più Paesi europei per la costruzione di impianti fotovoltaici ed eolici. Gli impianti, una volta costruiti, faranno parte del portafoglio europeo di Quercus Renewable Energy Fund II, comparto di Quercus Assets Selection.

Simone Borla, socio fondatore di Quercus, ha commentato “Con questo ulteriore investimento nel fotovoltaico UK confermiamo il nostro forte interesse nel mercato. Non escludiamo inoltre l’implementazione di future soluzioni ad hoc per investitori, europei e non, interessati a dimensioni particolarmente rilevanti, al fine di poter dare accesso anche al solo mercato UK, diventato ormai uno dei paesi più ambiti per gli investimenti ad energia rinnovabile grazie alle prospettive di particolare stabilità politica che offre nel lungo periodo.”

Quercus asset selection investe in un progetto fotovoltaico da 14 mw in Cornovaglia

L’operazione, effettuata tramite il fondo Quercus Renewable Energy II, segna l’ingresso ufficiale di Quercus nel mercato fotovoltaico in UK.

Quercus Renewable Energy Fund II, comparto di Quercus Assets Selection, società specializzata in investimenti infrastrutturali con focus sulle energie rinnovabili, ha completato l’acquisizione di un progetto per la realizzazione di un impianto fotovoltaico da 14 MW in Cornovaglia, che verrà connesso alla rete nazionale entro marzo 2014.

Quercus, dopo il successo dell’investimento nelle biomasse con UK Green Investment Bank nell’impianto a digestione anaerobica di Londra ultimato in questi giorni, avvia il suo ingresso ufficiale nel competitivo mercato fotovoltaico inglese, in cui la Società prevede di essere particolarmente attiva perlomeno nei prossimi 18 mesi circa, periodo in cui la struttura degli incentivi è stata definita. Quercus sta attualmente attuando due diligence su progetti fotovoltaici per circa 150 MW nel Regno Unito, che costituiscono la prima parte di un portafoglio complessivo che prevede di crescere fino a 300 MW entro marzo 2015.

La Gran Bretagna, nonostante il diverso clima rispetto al sud Europa, offre interessanti opportunità di investimento, supportate innanzitutto da un mercato stabile e molto efficiente e da un rischio Paese particolarmente contenuto. Ciò permette una facile lettura del sistema normativo notoriamente semplificato ed una prevedibile evoluzione della struttura degli incentivi, ingredienti essenziali per ottimizzare la programmazione degli investimenti. Ciò corredato, tra l’altro, da tassi bancari relativamente contenuti, una struttura di incentivi buona per l’investitore, costi di approvvigionamento di beni e servizi molto competitivi, anche per effetto dell’adeguamento dell’offerta alle dinamiche del settore.

Diego Biasi, Managing Partner di Quercus ha commentato: “il fondo sta proseguendo nell’attività di investimento in Europa in linea con la programmazione iniziale comunicata agli investitori. Gli investimenti nel Regno Unito sono iniziati quest’anno non appena è stata definita la politica locale degli incentivi da parte del Governo. Il fotovoltaico in UK è più che mai un asset rappresentativo del portafoglio ambito dai nostri investitori grazie all’elevata stabilità dei ritorni nel lungo periodo, la non correlazione ai mercati finanziari ed immobiliari, la capacità di mantenere un cash flow generalmente costante durante l’investimento, elementi essenziali per fondi pensione, fondazioni bancarie, assicurazioni ed altri investitori istituzionali che costituiscono la quasi totalità dei nostri investitori.”

Quercus renewable energy fund e ForVEI insieme nell’acquisizione dell’impianto fotovoltaico Calabria Solar

L’impianto di 24MW è stato ceduto da Talesun Solared ed è tra i primi 10 più grandi in Italia.

Quercus Renewable Energy Fund, comparto di Quercus Assets Selection – società di gestione specializzata in investimenti in infrastrutture con un focus sulle energie rinnovabili – in joint venture con ForVEI, ha completato l’acquisizione dell’impianto fotovoltaico di 24MW Calabria Solar da Talesun Solar Switzerland AG (“Talesun”), la divisione svizzera di Zonghli Talesun Solar Co Ltd, costruttore leader di pannelli solari in Cina. Calabria Solar è tra i 10 impianti fotovoltaici più grandi in Italia ed il valore dell’operazione ammonta a € 52,5 milioni.

ForVEI è una joint venture che comprende Quercus Renewable Energy, VEI Capital, CDC Infrastructure, Foresight Solar VCT e Adenium Solar Energy. ForVEI opera nel Private Equity, nonché nei settori delle infrastrutture e dell’energia.

Nonostante il difficile contesto economico europeo, nei passati 24 mesi (2011-2012), l’Italia continua ad essere uno dei mercati più efficienti nel mondo dell’energia solare, contando di 13GW di impianti fotovoltaici addizionali connessi alla rete, secondo il GSE (Gestore Servizi Energetici). Questo equivale allo stesso ammontare di impianti fotovoltaici connessi nello stesso periodo in Germania. L’Italia infatti, con un totale di 17GW installati attualmente, risulta essere la seconda nazione al mondo per capacità installata.

Questa operazione segue l’importante finanziamento lease-back concesso a ForVEI nel 2011 per l’acquisizione del portafoglio OPDE, che al tempo rappresentava il più grosso finanziamento leasing disposto da una singola banca in Italia.

Diego Biasi, Managing Partner di Quercus Assets Selection ha dichiarato: “Siamo molto soddisfatti di avere portato a termine questa operazione che ci ha permesso di acquisire uno dei più grandi impianti fotovoltaici in Italia e aggiungere un importante valore al portafoglio ForVEI, in vista di future potenziali uscite dall’investimento”.

Federico Giannandrea, Amministratore di ForVEI aggiunge: “Siamo molto soddisfatti di avere completato questa significativa acquisizione per incrementare il portafoglio fotovoltaico di ForVEI. Grazie a questa operazione ForVEI gestisce ad oggi un portafoglio di oltre 54MW, con un ritorno medio annuo a doppia cifra. La finalizzazione dell’acquisizione di Calabria Solar dimostra inoltre che c’è ancora dell’interesse da parte di investitori sia italiani che esteri in progetti promossi da player di alto livello.”

Quercus Assets Selection: Ceduto il 90% dell’impianto fotovoltaico Marsolar Srl al Fondo Star One di Polis Fondi Sgr

L’operazione, in linea con la strategia del fondo Quercus Renewable Energy e volta a liberare equity ed aprire la strada a successive opportunità di investimento.

Quercus Assets Selection (Quercus), società di gestione specializzata in investimenti in infrastrutture con un focus sulle energie rinnovabili, annuncia la cessione del 90% delle quote di dell’impianto fotovoltaico Marsolar Srl a Polis Fondi SGR (Polis) per un valore di € 6.570.000.

L’impianto fotovoltaico da 7,8 MW situato a Borgo Faiti (Latina, Italia) è ceduto dal fondo Quercus Renewable Energy (QRE), primo comparto della SICAV-SIF di Quercus di diritto Lussemburghese autorizzata dal CSSF. Il comparto, lanciato nel 2010, è dedicato alla selezione delle migliori opportunità di investimento nel settore fotovoltaico italiano. L’impianto, connesso ad agosto 2011, ha prodotto nel periodo un quantitativo di energia elettrica superiore a quello atteso (circa +6,5% MWh nel 2012), fornendo un contributo significativo agli ottimi risultati del fondo QRE. Si stima che nel solo anno 2012 Marsolar abbia soddisfatto il fabbisogno elettrico pro capite di circa 4.000 persone e conseguito un risparmio di circa 10.000 tonnellate di CO2. L’operazione e’ in linea con la strategia del fondo QRE.

Simone Borla, Managing Partner di Quercus: “Questa operazione testimonia la nostra capacità di creare valore nonostante le difficili condizioni dei mercati finanziari ed è un chiaro attestato della solidità di questa tipologia di investimenti, motivo per cui sempre più spesso gli investitori istituzionali stanno guardando con attenzione agli investimenti nel settore delle rinnovabili. L’elevato cash flow ed il rischio tipicamente inferiore a quello sovrano dei paesi stessi in cui gli impianti sono localizzati rendono infatti questi asset, tipicamente più redditizi dei titoli governativi, e quindi una risorsa importantissima nell’asset allocation di fondi pensione, assicurazioni e fondazioni.”

Il management di Quercus completa il buyout delle quote detenute dalla Finpiave SpA

La Commission de Surveillance du Secteur Financier (CSSF), l’autorità di controllo Lussemburghese, ha dato nei giorni scorsi il via libera al management buy out di Quercus Assets Selection (Quercus).

L’operazione, concordata e formalizzata nei mesi scorsi, vedrà ricomporre nelle mani del management di Quercus il controllo del 100% della società di gestione con il riacquisto del 60% ora detenuto dalla holding Finpiave Spa, azionista del Gruppo Stefanel quotato alla Borsa di Milano. Dopo l’operazione Simone Borla e Diego Biasi sono soci paritetici di Quercus con il 50% ciascuno.

Giuseppe Stefanel, che ha fornito parte del seed capital iniziale necessario al lancio dei fondi, resterà comunque un importante investitore dei fondi della società di gestione, e Finpiave manterrà un ruolo attivo all’interno della compagine mantenendo un posto nel consiglio di amministrazione ed occupandosi del servicing di diverse società controllate dai fondi.
La società di gestione, nata nel 2011 su iniziativa dei tre partner, ha visto raccogliere con successo capitali presso primari investitori istituzionali quali compagnie di assicurazione, banche e fondi pensione italiani ed esteri che le hanno permesso di lanciare due fondi chiusi focalizzati all’investimento in infrastrutture di energia rinnovabile, il core business della società.

Diego Biasi e Simone Borla, Partners di Quercus Assets Selection SCA SICAV-SIF, hanno dichiarato: “Siamo molto lieti di aver avuto l’opportunità di beneficiare dell’aiuto di Finpiave SpA nella fase di lancio della società: la nostra partnership ci ha consentito di raggiungere questi brillanti risultati permettendoci di contare sull’esperienza e la solidità di un gruppo industriale dal track record consolidato ed indiscusso “.
Federico Franzina, consigliere in quota Finpiave, verrà sostituito da Marco Claus, Direttore Generale di FIA con una lunga esperienza maturata prima con il Gruppo Banca Sella, per cui ha diretto la succursale lussemburghese, e successivamente con il Gruppo Banco Desio.

Quercus e Polis Fondi Sgr insieme nel Fondo Star One, focalizzato su impianti fotovoltaici a reddito

Londra – Quercus Assets Selection SICAV-SIF SCA (Quercus) annuncia la sua partecipazione al fondo immobiliare riservato ad investitori istituzionali Star One, veicolo promosso e gestito da Polis Fondi SGR (Polis) che si caratterizza per una politica di investimento focalizzata esclusivamente su impianti fotovoltaici allacciati e già in esercizio, con flussi di cassa stabili e prevedibili, ed un possibile ulteriore upside in caso di rifinanziamento durante la vita dell’impianto e/o di uscita anticipata. Il target di rendimento (IRR) del fondo è del 13% circa.

Il Fondo, che ha completato il primo closing lo scorso 8 agosto, ha già effettuato i primi investimenti acquisendo impianti di proprietà di Quercus localizzati a Spinazzola (BAT) di potenza pari a 5MW. Il target dimensionale del portafoglio del Fondo è di circa 50 MW, estendibile fino a 100MW. Al fine del rapido raggiungimento di detti obbiettivi di investimento, Quercus e Polis hanno altresì concordato un’opzione di acquisto di ulteriori impianti di potenza pari a circa 8MW.

Simone Borla, Managing Partner di Quercus: “Siamo lieti di aver effettuato questa prima operazione che ha una importante valenza strategica per noi consentendoci di migliorare il rendimento dell’impianto di Spinazzola, liberando equity ed aprendo la strada per successive operazioni volte a creare, con l’aiuto di altri investitori istituzionali, un portafoglio di dimensioni scalabili.”

Paolo Berlanda, Amministratore Delegato di Polis aggiunge: “Nel settore del fotovoltaico esistono numerose opportunità di investimento, alimentate dall’attività di dismissione degli sviluppatori e dei fondi di private equity che hanno precedentemente investito; l’acquisto di impianti già allacciati riduce fortemente il rischio relativo a cambiamenti nel sistema degli incentivi. Star One, offrendo un attraente profilo cedolare di medio-lungo periodo, è un prodotto con obiettivi di rendimento elevati e rischio contenuto.”

Per la selezione degli investimenti del fondo e la strutturazione delle operazioni, Polis si è avvalsa della collaborazione di Cassiopea Partners.

Stefano Trentino, socio fondatore ed Amministratore Delegato di Cassiopea Partners, dichiara altresì :“Questa operazione permette a Polis di creare una piattaforma di assoluto appeal per gli investitori istituzionali italiani il cui scopo sia l’ottenimento di una redditività media superiore al 13% annuo attraverso l’acquisizione di una pipeline già individuata di impianti connessi disponibili sul mercato secondario.”

Quercus investe 2 milioni di sterline nel progetto TEG Group per la costruzione di un nuovo impianto di trattamento rifiuti organici a Dagenham

Londra – Quercus Assets Selection (Quercus) è lieta di annunciare che Quercus Renewable Energy Fund II ha investito 2 milioni di sterline in un veicolo di nuova costituzione (SPV), TEG Biogas Limited (London), per consentire la costruzione e l’esercizio di un nuovo impianto di trattamento di rifiuti da 50.000 tonnellate l’anno.

L’impianto, del valore di £ 21m, sarà costruito dal gruppo TEG Plc (TEG), specializzato nel trattamento dei rifiuti organici, su un sito di 4,7 ettari su un’area di 25 ettari del Comune di Londra, denominata Sustainable London Industries Park (LSIP). Il Comune ha investito più di £10m per lo sviluppo infrastrutturale di tale sito, e il progetto di TEG sarà il primo a beneficiarne.

Quercus Assets Selection ha fornito 2 milioni di sterline (circa €2.5 milioni) affiancati da un investimento pari passu del fondo Foresight Managed UK Waste Resources and Energy Investments Fund per conto di UK Green Investments (UKGI). Il fondo Foresight Environmental Fund (FEF) e il fondo London Green Fund (LGF) insieme ad altri fondi pensione del Regno Unito, hanno accordato l’ulteriore investimento di 9 milioni di sterline per il progetto, per un totale di 13 milioni di sterline di equity. LGF è stato lanciato nel marzo 2011 dal sindaco di Londra, Boris Johnson, come parte dell’unità del comune di Londra creata per incoraggiare gli investimenti in infrastrutture energetiche e per il trattamento di rifiuti al fine di creare crescita economica e nuovi posti di lavoro.

Accanto all’investimento in equity, un prestito ‘senior debt’ di £4,4m è stato fornito dal London Waste and Recycling Board (£ 1,9m) e da Investec Bank (£3,5m).

Questo impianto di trasformazione di ultima generazione comprenderà il primo impianto di digestione anaerobica (AD) da costruire all’interno della tangenziale M25, accanto ad un impianto In-Vessel Composting (IVC), il quale dovrebbe essere pienamente operativo entro la seconda metà del 2013.

L’impianto di Dagenham sarà in grado di trattare ogni anno 30.000 tonnellate di rifiuti alimentari e 19.000 tonnellate di rifiuti misti. Questo sarà il primo impianto AD nell’area centrale di Londra e produrrà circa 1,4MW di elettricità, sufficienti ad alimentare circa 2.000 case. Inoltre, produrrà 36.000 tonnellate l’anno di anaerobico digestato e 14.000 tonnellate all’anno di compost per uso agricolo.

Diego Biasi, Partner di Quercus Assets Selection SCA SICAV-SIF, ha dichiarato: ” Quercus è lieta di aver raggiunto un accordo per investire a fianco del governo del Regno Unito, rappresentato da UKGI, e di aver chiuso questo primo affare efficacemente. Siamo fiduciosi che questo sarà il primo di una serie di investimenti di successo insieme a UKGI “.

Simone Borla, Partner di Quercus Assets Selection SCA SICAV-SIF, ha aggiunto: “Siamo molto lieti di lavorare in partnership con Foresight e UKGI per garantire una soluzione sostenibile a lungo termine, la quale permette di utilizzare circa 38.000 tonnellate di rifiuti all’anno che verrebbero altrimenti destinati alla discarica. Questa meravigliosa struttura non solo permette di creare nuovi posti di lavoro ma anche di ridurre di 75.000 tonnellate all’anno le emissioni di CO2, contribuendo ad una Londra sempre più ‘green’ per molti anni a venire.”

Il sindaco di Londra, Boris Johnson, ha dichiarato: “Questo investimento di 21 milioni di euro a Dagenham è una notizia fantastica in quanto fornisce nuove opportunità di lavoro. TEG è anche il primo a iniziare a costruire nel nostro nuovo parco industriale, nel quale sono stati investiti 10 milioni di sterline per trasformare dei terreni abbandonati in uno spazio attraente per le imprese. Vogliamo che il London Sustainable Industries Park diventi un polo di attrazione per le imprese energetiche e ambientali a sostegno di centinaia di nuovi posti di lavoro. E’ anche una buona notizia che TEG diventi il primo impianto di digestione anaerobica di Londra a fornire un innovativo modo ecologico per la gestione dei rifiuti della città, contribuendo a ridurre le costose discariche. Tramite il London Green Fund e Foresight, la mia squadra ha lavorato a stretto contatto con TEG per assicurare il finanziamento di questo impianto. Siamo pronti a sostenere altri progetti di questo tipo con i comuni ed il London Waste and Recycling Board”.

Il Segretario degli affari, Vince Cable, ha dichiarato: “Questo progetto rappresenta il primo investimento nel trattamento dei rifiuti nel periodo che precede l’istituzione della UK Green Investment Bank e invia il chiaro messaggio al mercato e ai potenziali co-investitori che ci siamo impegnati a investire nelle infrastrutture verdi del Regno Unito”.

Nigel Aitchison, Partner di Foresight Group, ha commentato: “Abbiamo lavorato con TEG per diversi mesi su questo progetto, il quale vedrà 50.000 tonnellate di materia proveniente da rifiuti organici della Greater London destinati alla discarica ogni anno, consentendo alle famiglie di mettere a buon uso i loro rifiuti organici. Questo investimento è il secondo realizzato da Foresight Environmental Fund. Non vediamo l’ora di fare ulteriori investimenti, guidando sia la crescita che la creazione di posti di lavoro in questo importante settore della futura Greater London e del Regno Unito”.

Michael Fishwick, CEO del Gruppo TEG, ha aggiunto: “Uno dei vantaggi di un impianto combinato IVC/AD è che permette una scelta flessibile delle materie prime input, il che ci permette di elaborare una vasta gamma di flussi di rifiuti. L’impianto potrà fornire una produzione di energia da fonti rinnovabili che confluirà nella rete nazionale. Noi di TEG siamo impegnati a dare un contributo significativo a Londra facendola diventare una città modello in Europa per il riciclaggio dei rifiuti”.

CDC INFRASTRUCTURE (CDC) si impegna per €9.000.000 con ForVEI, la joint venture tra Quercus e altri partner

Londra – Quercus è lieta di annunciare che CDC Infrastructure (CDC) ha assunto una partecipazione del 24% in ForVEI, la joint venture tra VEI Capital e Luxco 2 (la quale comprende Quercus Assets Selection e la recentemente annunciata joint venture tra Adenium e Foresight).

L’accordo è stato firmato ed è ora soggetto all’approvazione da parte della Commissione europea. Si prevede che il completamento avverrà nel mese di agosto 2012.

Dopo il completamento, l’azionista di maggioranza resterà VEI Capital con il 52%, mentre CDC Infrastrutture e Luxco 2 manterranno una partecipazione del 24% ciascuno; il totale dell’equity impegnato dai diversi azionisti in ForVEI attualmente ammonta a € 37 milioni. Simone Borla, Managing Partner di Quercus, ha dichiarato: “Siamo molto lieti che CDC Infrastructure si sia unita a noi in questa joint-venture in rapida crescita. Questo ci darà ulteriori risorse per crescere ulteriormente il nostro portafoglio di impianti fotovoltaici”.

L’attuale portafoglio di ForVEI comprende asset di generazione fotovoltaica per una capacità di potenza totale installata di c. 30 MW totali; il veicolo multishareholders, di cui Foresight Group funge da advisor, ha come target 100MW di campi fotovoltaici attivi in Italia. Questa partecipazione con CDC è un passo significativo per progredire verso questo obiettivo.

Diego Biasi, co-fondatore e Managing Partner di Quercus ha aggiunto: “Questo investimento da parte di CDC è una prova che stiamo creando un bene il cui valore è apprezzato dal mercato”.

ForVEI ha recentemente firmato un contratto di compravendita per l’acquisizione di 8MW nella regione Lazio da Aleph Solaria; la chiusura di questa acquisizione, la quale resta soggetta ad alcune condizioni sospensive, tra le quali delle deroghe bancarie, dovrebbe avvenire entro fine luglio 2012.

La joint-venture forvei completa l’acquisizione dei parchi OPDE grazie al più grande contratto di locazione-finanziamento organizzato da una singola banca sul fotovoltaico in italia per un controvalore di €88 milioni

Londra – ForVEI, un veicolo costituito da un gruppo di investitori con la consulenza di Foresight (che opera quale originator, structurer, arranger ed asset manager) al fine di acquisire partecipazioni in impianti fotovoltaici in Italia ha ultimato il closing dell’acquisto di un pacchetto di impianti da OPDE (uno tra i principali contractor spagnoli) per una potenza complessiva di ulteriori 8MW ed un Enterprise Value di €33Mn.

ForVEI è una joint-venture partecipata tramite diversi veicoli da una serie di investitori istituzionali tra cui il fondo lussemburghese Quercus Renewable Energy, Foresight Solar VCT Plc e VEI Capital, una joint venture che vede coinvolti primari investitori tra cui Assicurazioni Generali SpA (G), Intesa Sanpaolo, Palladio Finanziaria SpA, Veneto Banca SpA e Banca Popolare di Vicenza Scrl.

L’acquisto è stato supportato dalla chiusura di una operazione di leasing avente un controvalore di €33 milioni ($45 milioni), che ha portato il controvalore finanziato a ForVEI per l’acquisito di impianti OPDE (3 impianti del controvalore di €55 milioni erano stati acquisitati in settembre) ad oltre €88 milioni ($120 milioni), ora il più grande contratto di locazione-finanziamento organizzato da una singola banca per una serie di parchi fotovoltaici in Italia. Due unità del Gruppo Intesa Sanpaolo (ISP) possiederanno i parchi solari per 18 anni, mentre ForVEI verserà un canone d’affitto mensile e ottenendo un rendimento maggiore dall’alta potenza generata. I tre impianti hanno rendimenti attesi del 13% annuo.

L’Italia è stato uno dei mercati più attivi al mondo nel settore dell’energia solare quest’anno, collegando alla rete (secondo il suo regolatore energetico, il GSE) 6,5 gigawatt di progetti solari fotovoltaici, circa tre volte più della Germania, raggiungendo un totale di 10 gigawatt installati.

Pietro Zerauschek, Partner di Foresight Group e capo del suo team solare italiano ha dichiarato: “Siamo molto soddisfatti di aver concluso l’acquisizione dell’intero pacchetto di impianti da OPDE. Grazie a questa operazione ForVEI può ora contare su un portafoglio di oltre 28MW con un rendimento mendio ponderato pari a 13% per anno. Questa operazione testimonia, nonostante i mercart siano sotto pressione al momento, l’appetito dei lender per progetti di qualitá sponsorizzati da investitori di livello”.

Diego Biasi, socio fondatore di Quercus e Portfolio Manager ha dichiarato: “Siamo molto lieti di aver aumentato il nostro investimento in ForVEI. Il nostro portafoglio di impianti fotovoltaici in Italia sta ora ssumendo dimensioni istituzionali e contiamo di continuare ad investire ulteriormente concludendo presto altre importanti acqusizioni sia direttamente che tramite questa joint-venture”.

Simone Borla, socio fondatore di Quercus, ha aggiunto che “la partnership con ForVEI sta dando ottimi risultati e riteniamo che anche il nostro secondo fondo, Quercus Renewable Energy Fund II, attualmente in fase di raccolta presso clienti istituzionali, beneficierà delle importanti opportunità di investimento selezionate insieme a Foresight da finanziarsi attraverso le ottime relazioni con vari istututi bancari che la compagine ForVEI ed i propri soci hanno consolidato attraverso le numerose operazioni portate a compimento nel corso del 2011”.

Quercus crea joint venture con Foresight Group per investire nel mercato Italiano delle energie rinnovabili

Lussemburgo – Quercus Assets Selection Sarl, la società lussemburghese di gestione del fondo Quercus Renewable Energy Fund, uno dei principali investitori nel mercato fotovoltaico italiano, ha stipulato un accordo di joint venture con Foresight Group, società con sede nel Regno Unito, per aumentare i propri investimenti nel settore.

Quercus ha acquisito una quota del 50% nella società lussemburghese Foresight Lux Co 2, una società che controlla il 40% di ForVEI, un veicolo costituito da un gruppo di investitori con la consulenza di Foresight al fine di acquisire partecipazioni in impianti fotovoltaici in Italia. Il restante 60% è posseduto da VEI Capital, essa stessa una joint venture tra Palladio Finanziaria SpA, Assicurazioni Generali SpA (G), Intesa Sanpaolo, Veneto Banca SpA e Banca Popolare di Vicenza Scrl.

Subito dopo la chiusura della transazione tra Quercus e Foresight, la joint ForVEI ha acquistato dal gruppo spagnolo OPDE tre parchi fotovoltaici in Italia aventi una potenza totale di 13 megawatt.

L’operazione di leasing avente un controvalore di €55 milioni ($75 milioni) è il più grande contratto di locazione-finanziamento organizzato da una singola banca per un parco solare in Italia. Due unità del Gruppo Intesa Sanpaolo (ISP) possiederanno i parchi solari per 18 anni, mentre ForVEI verserà un canone d’affitto mensile e ottenendo un rendimento maggiore dall’alta potenza generata. I tre impianti hanno rendimenti attesi tra il 12% ed il 15%.
L’Italia è stato uno dei mercati più attivi al mondo nel settore dell’energia solare quest’anno, collegando alla rete (secondo il suo regolatore energetico, il GSE) 6,5 gigawatt di progetti solari fotovoltaici, circa tre volte più della Germania, raggiungendo un totale di 10 gigawatt installati.

In base all’accordo tra ForVEI ed OPDE, la joint-venture ha la possibilità di acquistare entro certi termini parchi solari realizzati per circa 20MW dalla società spagnola in Italia.

Pietro Zerauschek, Partner di Foresight Group e capo del suo team solare italiano ha dichiarato: “Siamo molto soddisfatti di aver raggiunto un accordo con Quercus che ci permette di aumentare ulteriormente la capacità di acquisto di impianti solari di prima qualità nel mercato italiano. Le dimensioni contano e siamo fiduciosi che con l’aiuto del team di investimento di prima classe di Quercus saremo in grado di identificare ed acquisire ulteriori progetti interessanti “.

Quercus ha inoltre nominato Foresight quale suo consulente per l’acquisizione e la costruzione del parco di 8MW localizzato a Latina che è stato collegato con successo alla rete il 31 agosto 2011.

Diego Biasi, socio fondatore di Quercus e Portfolio Manager ha dichiarato: “Siamo entusiasti di avere stipulato un accordo di joint venture con Foresight al fine di espandere il nostro portafoglio di investimenti in Italia accedendo a progetti di prima qualità che offrono rendimenti interessanti ai nostri investitori”.

Simone Borla, socio fondatore di Quercus, ha aggiunto che “la partnership con Foresight è un’occasione drammatica per allargare la portata dei nostri investimenti di Private Equity oltre l’Italia includendo potenzialmente altre opportunità, quali ad esempio gli investimenti nel settore delle biomasse in Regno Unito”.

TERMS OF WEBSITE USE
This site is operated by Quercus Investment Partners Limited (“We”) and these terms of use tell you the terms of use on which you may make use of our website (our site). Use of our site includes accessing, browsing, or registering to use our site. For the avoidance of doubt, these terms of use apply to every page on our site.

Please read these terms of use carefully before you start to use our site, as these will apply to your use of our site.

By using our site, you confirm that you accept these terms of use and that you agree to comply with them. If you do not agree to these terms of use, you must not use our site.

We may revise these terms of use at any time by amending this page. Please check this page from time to time to take notice of any changes we made, as they are binding on you.

INFORMATION ABOUT US
We are registered in England and Wales under company number 09242415 and have our registered office at 11 Albemarle Street London W1S 4HH. Our VAT number is 207239032. We are authorised and regulated by the Financial Conduct Authority (no. 663344).

PRIVACY
We are committed to ensuring that your privacy is protected in accordance with applicable laws and regulations. We will not collect information by which you can be identified whilst you are using our site.

Our site uses only session cookies. Session cookies are stored only temporarily during a browsing session and are deleted from your device when the browser is closed.

INTELLECTUAL PROPERTY RIGHTS
We are the owner or the licensee of all intellectual property rights in our site, and in the material published on it. Those works are protected by copyright laws and treaties around the world. All such rights are reserved.

REGULATORY
The contents of our site should not be construed as legal, tax or financial advice nor its contents be distributed, published or reproduced in whole or in part, or be relied upon as the basis for investment in any funds.

It is the responsibility of any person(s) in possession of the information contained in this site to inform themselves of, and to observe, the legal requirements also applying and any applicable taxes and exchange control regulations in the countries of their respective citizenship, residence or domicile. Whilst we have taken all reasonable steps to ensure the reliability of the information, we make no representations as to its accuracy whatsoever and offer no undertakings.

Investments can fluctuate in value and investors should be aware that they may not realise the initial amount invested and may get back less than they invested. Investors should carefully consider whether their financial circumstances permit them to invest and, if necessary, seek the advice of an independent financial adviser.

The content of our site is for general information only. Our site does not constitute an offer or solicitation to any person in any jurisdiction in which such offer or solicitation is not authorised or would be unlawful to make such offer or solicitation or if it is unlawful without compliance with additional registration or filing requirements.

The contents of our site are not available in the United States or Canada and should not be accessed by any US person.

LIMITATION OF OUR LIABILITY
Nothing in these terms of use excludes or limits our liability for death or personal injury arising from our negligence, or our fraud or fraudulent misrepresentation, or any other liability that cannot be excluded or limited by English law.

To the extent permitted by law, we exclude all conditions, warranties, representations or other terms which may apply to our site or any content on it, whether express or implied.

We will not be liable to any user for any loss or damage, whether in contract, tort (including negligence), breach of statutory duty, or otherwise, even if foreseeable, arising under or in connection with use of, or inability to use, our site or use of or reliance on any content displayed on our site. In particular, we will not be liable for loss of profits, sales, business, or revenue, business interruption, loss of anticipated savings, loss of business opportunity, goodwill or reputation; or any indirect or consequential loss or damage.

We will not be liable for any loss or damage caused by a virus, distributed denial-of-service attack, or other technologically harmful material that may infect your computer equipment, computer programs, data or other proprietary material due to your use of our site or to your downloading of any content on it, or on any website linked to it.

APPLICABLE LAW
These terms of use, its subject matter and its formation (and any non-contractual disputes or claims) are governed by English law. We both agree to the exclusive jurisdiction of the courts of England and Wales.

CONTACT US
To contact us, please email info@quercus-partners.com.
Thank you for visiting our site.